News

Si e' conclusa la Seconda Conferenza Nazionale sull'Educazione Ambientale

“Diffondere una nuova consapevolezza pubblica nei confronti dell’ecosistema e promuovere un forte impegno istituzionale per la diffusione delle buone pratiche tra le generazioni considerando l'educazione ambientale fondamento di una crescita sostenibile: questi gli obiettivi della seconda Conferenza Nazionale sull’Educazione Ambientale - tenutasi a Roma- Museo MAXXI- il 22 ed il 23 novembre alla quale ha preso parte Il Centro di Coordinamento della REDUS, attestato presso il Dipartimento Ambiente ed Energia.

Dopo 16 anni (la prima conferenza si è svolta a Genova nell’aprile 2000) si è riparlato di Educazione Ambientale e alla Sostenibilità in un incontro nazionale. Una “due giorni” di dibattito pubblico e condiviso nel quale il mondo delle istituzioni, delle imprese, della ricerca e protezione ambientale, delle organizzazioni non governative, della società civile, dell’università e dell’istruzione hanno affrontato  una riflessione su nuovi contenuti e strumenti per una educazione in grado di creare una cittadinanza consapevole a livello locale e a livello globale.

Il primo giorno il sottosegretario all’Ambiente Barbara Degani ha dato il via all’Officina delle idee: dodici tavoli di lavoro divisi per argomenti (dalla mobilità sostenibile alla biodiversità, dallo spreco alimentare alla lotta ai cambiamenti climatici), con il  compito di produrre un documento di sintesi, parte integrante della “Carta sull'Educazione Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile”. I rappresentanti della Regione Basilicata hanno contribuito alla riflessione del Tavolo 4 - Società Civile, del Tavolo 5 Digitale e Comunicazione e del Tavolo 7 – Economia Circolare.

Il secondo giorno si è celebrato il Congresso vero e proprio nel quale è stata consegnata ai Ministri dell’Ambiente e dell’Istruzione Gian Luca Galletti e Stefania Giannini la Carta sull'Educazione Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile, un programma di impegni nel medio e lungo periodo sul fronte educativo e formativo in 12 punti, dalla biodiversità alla mobilità sostenibile, dal digitale e comunicazione ai cambiamenti climatici per diffondere la cultura ambientale e trasmettere, specie ai più giovani, le basi del vivere sostenibile.

L’impegno pubblico preso dal MATTM è di ritrovarsi tra un anno.

 

Programma

Educazione Ambientale 2016 (video)

La Carta sull'Educazione Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile

 

 

 

menu

REGIONE BASILICATA
Dipartimento Ambiente ed Energia
Potenza 85100 - Via Vincenzo Verrastro, 5
tel. +39 0971.669050

informativa su cookie © credits